Provincia di Basilicata

La provincia di Basilicata dopo l’Unità d’Italia ha superato in estensione quasi tutte le province dello Stato.

La provincia di Basilicata

Da “IDRO-OROGRAFIA DELLA PROVINCIA DI BASILICATA” del DOTTORE MICHELE LACAVA (Potenza 1880)

La nostra Provincia ha la superficie di chilometri quadrati 10,575,9711. Supera tutte le province dello Stato, tranne Torino che ha chilometri quadrati 10,534,91; Roma 11917,13; Sassari 10,726,65; Cagliari 13,615,40; ma se si riguarda, che il calcolo va fatto sulle carte, come se la superficie fosse piana, mentre la nostra è tutta anfrattuosa e posta a monti e valli, per lo meno sfugge a questa misura un terzo, e quindi indubitatamente è superiore alle tre provincie di Torino, Roma e Sassari; e forse cede solo a quella di Cagliari. Ma anche nella superficie di 10,575,97 è circa la 28a parte di tutta la superficie dello Stato; supera del doppio il compartimento della Liguria supera le Marche; è più della metà degli Abbruzzi con la provincia di Molise, della Campania, delle Calabrie, dell’Emilia: è poco meno della metà delle Puglie, della Lombardia, Venezia, Toscana e Sardegna: più del terzo del Piemonte, e della Sicilia.

La sua superficie si divide:

Circondario di Lagonegro Ch. q. 2811,50
» » Matera » 3017,02
» » Melfi » 2280,65
» » Potenza » 2565,80

Il minimo dei suoi Circondari, che è quello di Melfi è superiore a 15 provincie dello Stato e sono: Livorno, Napoli, Porto Maurizio, Lucca, Cremona, Rovigo, Massa Carrara, Benevento, Forlì, Ancona, Ravenna, Padova, Ascoli, Venezia, Reggio d’Emilia. Il maggiore, quello di Matera ne supera altre 13 e sono: Treviso, Mantova, Piacenza, Modena, Ferrara, Vicenza, Como, Macerata, Verona, Bergamo, Chieti, Pesaro ed Urbino, Milano. E, ne pareggia quasi altre otto: Pisa, Trapani, Parma. Sondrio, Belluno, Arezzo, Teramo, e Pavia.

Suddividendosi l’area della nostra Provincia per ciascuno dei suoi 124 Comuni, si ha il prospetto seguente:

Circondario di Lagonegro

1 Nova Siri Ch. q. 73 88
2 Calvera » 20 17
3 Carbone » 66 89
4 Castelluccio Superiore » 45 34
5 Castelluccio Inferiore » 40 64
6 Castel Saraceno » 58 35
7 Cersosimo » 22 38
8 Chiaromonte » 227 87
9 Colobraro » 97 23
10 Episcopia » 41 53
11 Fardella » 12 36
12 Valsinni » 51 48
13 Francavilla sul Sinni » 57 04
14 Lagonegro » 68 60
15 Latronico » 49 69
16 Castronuovo S. Andrea » 78 33
17 Lauria » 107 99
18 Maratea » 45 76
19 Moliterno » 101 26
20 Nemoli » 100 29
21 Noepoli » 36 58
22 Rivello » 69 52
23 Roccanova » 82 22
24 Rotondella » 104 59
25 Rotonda » 39 22
26 S. Chirico Raparo » 99 41
27 S. Costantino Albanese » 34 06
28 S. Giorgio Lucano » 33 98
29 S. Martino d’Agri » 73 96
30 S. Paolo Albanese » 27 35
31 S. Severino Lucano » 20 03
32 S. Arcangelo » 119 59
33 Sarconi » 32 80
34 Senise » 95 42
35 Teana » 30 04
36 Terranova di Pollino » 110 44
37 Trecchina » 38 69
38 Tursi » 279 14
39 Viggianello » 114 38
  Totale Ch. q. 2.811 50

 

Circondario di Matera

1 Accettura Ch. q.  42 72
2  Aliano » 74 45
3  Bernalda »  32 15
4  Cirigliano »  1 57
5  Craco  »  81 29
6  Ferrandina »  203 73
7  Garagusoa »  89 83
8  Gorgoglione »   40 04
9  Grassano »  31 70
10  Grottole »  117 76
11  Matera »  462 00
12  Miglionico »  59 26
13  Montalbano Ionicob » 223 36
14  Montepelosoc »  259 62
15  Montescaglioso »  256 84
16  Oliveto Lucano »  35 89
17  Pisticci »  307 69
18  Pomarico »  126 07
19  Salandra »  73 31
20  S. Mauro Forte »  73 80
21  Stigliano »  184 40
22  Tricarico »  239 54
   Totale  Ch. q.   3,017 02

 

Circondario di Melfi

1 Atella Ch. q. 165 21
2 Barile »  32 00
3 Bella »  125 93
4 Castelgrande »  49 03
5 Forenza »  171 91
6 Lavello »  227 25
7 Maschito »  65 92
8 Melfi »  307 37
9 Montemilone »  184 05
10 Muro Lucano »  205 60
11 Palazzo S. Gervasio »  94 49
12 Pescopagano »  116 04
13 Rapolla »  33 09
14 Rapone »  31 11
15 Rionero Vulture »  — 09
16 Ripacandidad »  62 91
17 Ruvo del Monte »  35 90
18 San Fele »  125 68
19 Venosa »  247 07
   Totale  Ch. q.  2,280 65

 

Circondario di Potenza

1  Abriola Ch. q.   56 18 
2  Acerenza »  68 70
3  Albano di Lucania »  41 91
4  Anzi »  59 14
5  Armento  »  42 40
6  Aviglianoe »  134 25
7  Balvano »  38 42
8  Baragiano »  19 51
9  Brienza »  45 90
10  Brindisi »  112 90
11  Calvello »  67 87
12  Campomaggiore »  9 80
13  Cancellara »  36 82
14  Castelmezzano »  22 18
15  Corleto Perticara »  66 88
16  Gallicchio »  16 89
17  Genzanof »  296 45
18  Guardia Perticara »  53 84
19  Laurenzana »  92 74
20  Marsiconuovog »  157 77
21  Marsicovetere »  27 84
22  Missanello »  14 13
23  Montemurro »  22 19
24  Palmirah »  53 59
25  Picerno »  83 60
26  Pietrafesai »  25 57
27  Pietragalla »  44 96
28  Pietrapertosa »  54 81
29  Pignola »  48 16
30  Potenza »  181 10
31  Ruoti »  50 23
32  Savoia di Lucania »  25 95
33  S. Chirico Nuovo »  22 12
34 Santangelo le Fratte »  19 42
35  Saponara di Grumento »  45 05
36  Sasso di Castalda »  29 08
37  Spinoso »  20 56
38  Tito »  63 67
39  Tolve »  136 49
40  Tramutola »  6 08
41  Trivigno »  19 86
42  Vaglio di Basilicata »  38 90
43  Vietri di Potenza »  31 08
44  Viggiano »  60 81
   Totale   Ch. q.  2,565 80

 

Note

1 Questa superficie è presa da’ calcoli ufficiali che probabilmente sono stati fatti su carte antiche. Da quello che io avessi potuto rilevare (con diligenza, quanto per me si poteva maggiore) sulle carte dello Stato maggiore, la superficie della nostra provincia ci apparirebbe alquanto meno: 10,298,58. (n.d.r.Superficie reale 9992 km²)
a Nel 1913 ha ottenuto l’autonomia il comune di Calciano.
b Nel 1959 la frazione Policoro e nel 1974 Scanzano Jonico divennero comuni autonomi.
c Dal 6 febbraio 1895 il suo nome è Irsina.
d Nel 1965 la frazione Ginestra ha ottenuto l’autonomia
e Nel 1951 la frazione Filiano divenne comune autonomo.
f Nel 1901 la frazione Banzi divenne comune autonomo.
g Nel 1973 la frazione Paterno divenne comune autonomo.
h Oppido Lucano dal 1863 al 1933 divenne Palmira per evitare confusione con altri comuni italiani.
i Dal 1887 Satriano di Lucania.

La ferrovia Romagnano-Taranto _____________ Michele Lacava

Indice

I commenti sono chiusi